Parco Naturale della Sila

Andare in basso

Parco Naturale della Sila

Messaggio  Tiziana il Gio Mag 06, 2010 2:11 pm

La Sila è un altopiano situato nella zona settentrionale della regione Calabria. Esso si estende per 150.000 ettari attraverso le province di Catanzaro, Crotone e Cosenza e si divide (da nord a sud) in Sila Greca, Sila Grande e Sila Piccola; i rilievi più alti sono il monte Botte Donato (mt.1928), in Sila Grande, ed il Monte Gariglione (mt.1765) in Sila Piccola. È il più vecchio parco nazionale della Calabria, tra i primi 5 nati in Italia: con D.P.R. 14.11.2002 sono stati istituiti il Parco Nazionale della Sila ed il relativo Ente, che ricomprende i territori già ricadenti nello "storico" Parco Nazionale della Calabria (1968) e tutela aree di rilevante interesse ambientale per complessivi 73.695 ettari.

Cenni storici
Le prime testimonianze umane in Sila risalgono all'homo erectus (circa 700.000 anni da oggi) e sono state individuate sulle sponde del lago Arvo. Altre testimonianze, sulle rive del lago Arvo e del lago Cecita, risalgono all'uomo di Neandertal. Tra la fine del neolitico e l'inizio dell'età del rame (3800-3300 a.C.), tutta la Sila venne occupata da insediamenti di agricoltori e pescatori che sfruttavano le antiche conche lacustri (Arvo e Cecita) per un caratteristico metodo di pesca con la rete. Ulteriori testimonianze risalgono all'antica età del bronzo (Ampollino e Cecita).
I Bruzi, antico popolo di pastori e artigiani, ma anche di fieri combattenti, non furono quindi i primi frequentatori dell'altopiano silano. Sicuramente essi vennero a contatto con i Greci che avevano colonizzato le zone costiere con la fondazione di Sibari, di Crotone, di Petelia, di Krimisa e con loro probabilmente stabilirono rapporti di "buon vicinato". Il più importante insediamento di età greca, in Sila, è costituito dal santuario scoperto - a breve distanza da Camigliatello Silano - nel lago Cecita (VI-III sec. a.C.) ad opera della Soprintendenza per i beni archeologici della Calabria (scavi diretti dall'archeologo Domenico Marino).
Dopo la distruzione di Sibari avvenuta nel 510 a.C. ad opera dei Crotoniati, essi continuarono ad abitare prevalentemente nelle zone interne. Solo molto più tardi, dopo le guerre puniche, Roma iniziò ad interessarsi a tutta la Calabria ed anche a questo territorio montano traendone soprattutto legname pregiato utilizzato nella costruzione di navi e per l'estrazione della pece (pix bruttia). Scavi ad opera della Soprintendenza per i beni archeologici della Calabria (diretti dall'archeologo Domenico Marino), in collaborazione con l'Università della Calabria (archeologo Armando Taliano Grasso), hanno messo in luce un importante insediamento dedicato all'estrazione e lavorazione della pece, vissuto tra il III sec. a.C. ed il III sec. d.C.
Con la caduta dell'Impero Romano ebbero luogo le invasioni barbariche.
Nel VI secolo i Bizantini ristabilirono l'ordine, la pratica dell'allevamento e dell'agricoltura.
Nel VIII secolo i Longobardi sottrassero molti terreni a Costantinopoli. Le successive invasioni arabe lungo le coste calabre costituirono la decadenza definitiva dei Bizantini.
Dal 1045 al 1060 si sostituirono i Normanni che contribuirono a diverse fondazioni monastiche che diedero vita (nel XII secolo) alla costruzione delle abbazie cistercensi. Alcuni esempi sono Santa Maria della Matina a San Marco Argentano, l'Abbazia di Santa Maria di Acquaformosa, l'Abbazia di Santa Maria della Sambucina a Luzzi, l'Abbazia di Santa Maria di Corazzo a Castagna e l'Abbazia Florense a San Giovanni in Fiore. I monasteri furono luoghi di studio, centri di cultura e di stimolo per la rinascita agricola.
Le genti delle coste migrarono verso le Pendici dell'Altopiano Silano, dove fondarono i cosiddetti Casali. In quell'epoca venne realizzato un grandioso monastero ad opera di Gioacchino da Fiore intorno al quale si sviluppò il primo centro abitativo dell'altopiano: San Giovanni in Fiore.
Tra il 1448 e il 1535 molti esuli dall'Albania si insediarono nelle terre del versante ionico della Sila creando alcune comunità dette Sila Greca. Oggi i comuni di lingua albanese sono circa trenta. I loro usi, costumi e tradizioni sono rimasti inalterati nel tempo.
Il territorio successivamente appartenne alle diverse dinastie regnanti; da ultimi i Borbone prima che tutto il Sud e le Isole vennero annesse al Regno d'Italia dopo la spedizione dei Mille ad opera di Garibaldi. Solo nei decenni scorsi venne realizzata la Paola Cosenza Crotone, per iniziativa di Giacomo Mancini nel 1974, oggi SS 107 che attraversa tutto l'Altipiano dal Tirreno allo Jonio.
Per rompere l'isolamento dei paesi montani, in inverno drammatico a causa della neve, vennero realizzate, con opere di ingegneria a volte spettacolari come viadotti e tracciati di montagna, alcune ferrovie: la Cosenza-Camigliatello-San Giovanni in Fiore delle Ferrovie Calabro Lucane (a scartamento ridotto) e la Paola-Cosenza a cremagliera, delle Ferrovie dello Stato. Molti villaggi agricoli finirono per diventare insediamenti a carattere turistico.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

-------------------------------------------------------------------------------
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Tiziana
Cumpare
Cumpare

Messaggi : 655
Data d'iscrizione : 15.01.10
Età : 39
Località : Catania

Torna in alto Andare in basso

Re: Parco Naturale della Sila

Messaggio  Antonio il Gio Mag 06, 2010 10:42 pm

Amore... con questo post, mi fai capire che hai tanta voglia di andare in Sila!!!

082 090 096 097

-------------------------------------------------------------------------------
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Vota il sondaggio su "come hai conosciuto NonSoloMoto.Biz", clicca [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] per rispondere!
avatar
Antonio
Fondatore
Fondatore

Messaggi : 2617
Data d'iscrizione : 31.12.09
Età : 43
Località : Catania
Moto Posseduta : Suzuki V-Strom traveller 650 blu

http://www.nonsolomoto.sicilia.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Parco Naturale della Sila

Messaggio  minnietopolino il Ven Mag 07, 2010 11:12 am

Non conoscevo questa storia!!! Interessante. By Minnie 004

-------------------------------------------------------------------------------
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
minnietopolino
Signiuri
Signiuri

Messaggi : 1265
Data d'iscrizione : 21.01.10
Località : CATANIA
Moto Posseduta : kAWASAKI Z1000

http://www.nonsolomoto.biz

Torna in alto Andare in basso

Re: Parco Naturale della Sila

Messaggio  Gabry il Ven Mag 07, 2010 4:11 pm

La Sila è un posto meraviglioso,io ho trascorso sei dei dodici mesi di militare all'Aerostello Silano,un residence dell'Aeronautica che si trova immerso nelle montagne a pochi chilometri da Camigliatello e precisamente in una località che si chiama Montescuro........sono rimasto talmente attratto da questo posto che ci sono ritornato in viaggio di nozze e abbiamo pernottato all'hotel "Lo Sciatore" dove la sveglia la mattina c'è la facevano gli scoiattoli sul balcone.......
prima o poi ci ritorno 001 001

-------------------------------------------------------------------------------
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Gabry
Cumpare
Cumpare

Messaggi : 745
Data d'iscrizione : 18.03.10
Età : 44
Località : Priolo Gargallo
Moto Posseduta : Suzuki GSX-R 600 K6(Racing)

Torna in alto Andare in basso

brava TIZIANA

Messaggio  archimede il Ven Mag 07, 2010 4:58 pm

Tiziana ha scritto:La Sila è un altopiano situato nella zona settentrionale della regione Calabria. Esso si estende per 150.000 ettari attraverso le province di Catanzaro, Crotone e Cosenza e si divide (da nord a sud) in Sila Greca, Sila Grande e Sila Piccola................................................

020 020



Complimenti per la felice iniziativa di accompagnare
una uscita turistica con una descrizione di tipo
storico culturale.
Brava TIZIANA
021 021 021


*****************************************
*****************************************
Buongiorno a tutti e sempre tutti i giorni - per belli o brutti che appaiano


020 020 020 020
avatar
archimede
Carusu
Carusu

Messaggi : 142
Data d'iscrizione : 16.03.10
Località : catania
Moto Posseduta : Scarabeo

Torna in alto Andare in basso

Re: Parco Naturale della Sila

Messaggio  Marco76ct il Sab Mag 08, 2010 9:39 am

Eccellente come sempre la nostra Tizy!!!

021 021 021 021 021 021 021

-------------------------------------------------------------------------------
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Come direbbe qualcuno... "Signori si Nasce... ed io lo nacqui" ;-)
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
avatar
Marco76ct
Fondatore
Fondatore

Messaggi : 1449
Data d'iscrizione : 15.01.10
Età : 41
Località : Catania
Moto Posseduta : Kawasaki GTR 1400 Blacky - Nera come il Peccato!

http://www.nonsolomoto.biz

Torna in alto Andare in basso

Re: Parco Naturale della Sila

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum